Essenza di Sicilia.

foto 3-2

Paola Lantieri e la Malvasia delle Lipari 2010.

Un calice Vulcanico.

Saranno le mie origini, forse un po di parte e innamorato di questa isola stupenda, ma non so come, mi ritrovo spesso di fronte un calice che mi fa tornare con tutto me stesso seduto di fronte al mare e il suo sottofondo musicale, coccolato da profumi che ti entrano dentro per non lasciarti  più.

L’ultima volta che sono stato a Vulcano, tre anni fa, c’era stato il terremoto, sinceramente io e mia moglie non avevamo avvertito nulla grazie ad un vecchio motorino che in quel momento ci stava scarrozzando tra le vie più nascoste dell’isola per scappare dai turisti intenti a nuotare, trasformati in rospi, nelle pozze di fango.

L’ultima volta che sono stato a Vulcano, non conoscevo Paola Lantieri e la sua storia che inizia con una micro vendemmia nel 2006. Cinque Ettari di viticoltura eroica che anno anno dopo anno, esperienza dopo esperienza troviamo in una produzione che non supera le 6000 bottiglie, bisognose di essere corteggiate e trovate, lontane dall’affollamento mediatico e ruffiano di altre produzioni.

Ma la storia di Paola ve la racconterò la prossima volta, quando a Vulcano torneremo con un solo obiettivo.

Luce incastonata nell’ambra più preziosa riflette il sole d’estate caldo e cremoso. Elegante il racconto olfattivo ricco di trama, agrumi canditi, datteri ricoperti di cioccolato bianco si perdono nel continuo susseguirsi di profumi di un suk tunisino, spezie e frutta secca per tornare alla nocciola di un croccante di fiera di paese. Una nota iodata invoglia la beva che si  rivela armoniosa nella partitura. Un spartito dove gli strumenti si legano battuta dopo battuta creando un flusso continuo di sensazioni. La dolcezza si fonde in freschezza e sapidità pericolosa, intensità che rivela una persistenza mai noiosa e sempre mutevole…

E sono ancora su quel motorino scassato, tra le curve dell’isola e il mare è la in fondo, fa caldo e i profumi intensi mi circondano, dolce e vellutata la strada, i rumori assenti… grazie Paola per questo viaggio che posso ripetere ogni qualvolta che desidero, solo aprendo una delle tue poesie.

Tag:, , , , ,

Categorie: Degustazioni

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: